Tra mare e architettura barocca vi raccontiamo le 15 città, perle della Sicilia. Una storia che affonda le radici in tempi lontani, tanto lontani che incrociano la leggenda; un patrimonio artistico, culturale e paesaggistico che è tra i più ricchi d'Italia e del Mondo, una cucina che sa deliziare ogni palato, per varietà e prelibatezza dei piatti. E poi sorrisi, sorrisi ovunque. Siamo in Sicilia: vi portiamo ad esplorare questa terra incredibile attraverso 15 città bellissime, in cui scoprire tradizioni e ammirare tesori preziosi.

E inoltre, la cordialità e la gentilezza dei siciliani sono parte integrante del viaggio. A voi non (See more) resta che prenotare il volo e chiudere il bagaglio: la Sicilia è una meta ideale in ogni stagione dell’anno! Buon viaggio!
Scoprite le 10 Spiagge più belle della Sicilia
Palermo
Influssi greci, romani, arabi, svevi, normanni, ma anche francesi e spagnoli: Palermo è un’esplosione di culture, profumi e colori, un’esplosione che nutre i cinque sensi, tra mercati storici che vi faranno pensare ai suq arabi, chiese barocche e palazzi liberty. Lasciatevi catturare dalla storia millenaria che caratterizza questa città, dai suoi volti sfaccettati, dal clima sempre mite e dolce: insomma, se siete dei veri viaggiatori questa meta va vissuta assolutamente!

Scopri di più: 10 meraviglie naturali in Italia! Ben due sono in Sicilia!

Palermo

Taormina
Il Teatro Greco, la rigogliosa Villa Comunale, il Palazzo Corvaja, il Duomo e il bellissimo Corso Umberto: avete già capito? Siamo a Taormina, un posto incantato in cui si legano in maniera inscindibile la storia e la natura, il vecchio e il nuovo, la montagna e il mare. Facile innamorarsi così. Una volta qui, fate un salto a Isula Bedda, un isolotto che, visto il nome, non ha bisogno di ulteriori descrizioni. Ci ringrazierete del consiglio!

Taormina
Siracusa
Siracusa è una perla, un gioiellino che ci invidia il mondo intero, con il suo centro storico che sorge su un’isoletta, Ortigia, fatto di vie intricate e romantiche. Visitate la Fonte Aretusa, in cui la realtà incontra la fantasia, e poi fate un salto al Parco Archeologico della Neapolis, dal fascino antico. Una tappa imprescindibile è la chiesa di Santa Lucia alla Badia, bellissma, che contiene tra le sue mura nientemeno che un Caravaggio. Dite la verità, avete appena inserito Siracusa nell’agenda delle prossime mete, vero?

Siracusa
Erice
Centro nevralgico nel periodo dei cartaginesi, Erice, nel trapanese, deve il suo nome al gigante Eryx, potentissimo, figlio di Afrodite. Una storia lunghissima che affonda le radici nel mito e una bellezza che conquista al primo sguardo: le sue viuzze incantate all’interno delle possenti mura, i cortili luminosi delle abitazioni e il panorama mozzafiato che regala la città, a 750 m slm, con viste fino alle Egadi. Una cassata o un cannolo da gustare prima di ripartire per la prossima tappa. Tre, due, uno: il viaggio continua!

Erice
Catania
La città dell’elefantino è un luogo pieno di magia. Il bellissimo Castello Ursino, il Duomo regale, lo storico mercato del pesce in cui trovare sempre ottimo pescato di giornata, la maestosa via Etnea, i resti incantati della città antica e il rilassante Parco Gioeni: Catania è tutto questo e molto di più. Non perdetevi i sotterranei della città: sotto il suolo lavico, infatti, si estende una sorprendente città cinquecentesca. Ogni angolo merita di essere esplorato!

Scopri di più: 10 cose da vedere a Catania!

Catania

Mondello
A pochissima distanza da Palermo, Mondello vanta una delle spiagge più belle d’Italia, con acque paradisiache e sabbia chiara, e vi saprà stupire con la sua atmosfera: è bellissimo passeggiare tra le strade ammirando palazzi e ville in stile liberty, tipici di questa zona, o perdersi a sognare davanti allo splendido castello di Zisa. E poi la Tonnara, e ancora le Grotte dell’Addaura, con i graffiti che risalgono al Paleolitico. Non vi resta che partire!

Scopri di più: le spiagge top della Sicilia!

Mondello
Cefalù
Cefalù sarà il vostro approdo se volete conciliare natura e storia: un borgo marinaro bello da sembrare dipinto, protetto da un promontorio roccioso e cullato dalle acque del mare. Vicoletti, archi, scorci di mare che si intravedono dalla città e palazzi antichissimi sono solo alcune della attrattive di questa città magica, insieme a un Duomo imponente e a una spiaggia che è tra le più apprezzate. Noi siamo già là!

Cefalù
Agrigento
Qui perderete la cognizione del tempo, perché Agrigento è una città unica, che vi trasporterà nel passato. Passerete dalla Magna Grecia al Medioevo in un battibaleno e sarete rapiti dal fascino delle civiltà più antiche. Imperdibile la Valle dei Templi, dichiarata Patrimonio dell’Umanità. Poi fate un giro in città, tra cattedrali, monasteri, trattorie ottime e negozietti, specialmente sulla via Atenea, bellissima. Che aspettate: programmate prima possibile la vostra gita siciliana.

Agrigento, Valle dei Templi
Noto
Sinuosa, pittoresca ed elegante, qui a Noto l’armonia quasi neoclassica si fonde a un barocco sfarzoso, tipicamente siciliano: bellissima e lucente, questa città vi lascerà senza fiato. Scalinate, piazzette piene di sole e palazzi nobiliari: tutta la Val di Noto è stato inserita nella World Heritage List dell’UNESCO per le sue splendide città tardo barocche. Sono otto in totale, alcune sono anche in questa lista: Caltagirone, Militello in Val di Catania, Catania, Modica, Noto, Palazzolo, Ragusa e Scicli. Tutte città che, dopo il catastrofico terremoto del 1693, sono state ricostruite seguendo il modello stilistico predominante all’epoca. Inutile dirvi che sono tutte da ammirare.

Scopri di più: i 20 siti Unesco più spettacolari in Italia!

Noto
Modica
Modica vi entrerà nel cuore per il suo sfacciato Barocco che straborda in ogni vicolo e per il suo ottimo cioccolato, unico al mondo e preparato con una tecnica del tutto particolare. Il vecchio centro arroccato su una collinetta è romantico e affascinante e i palazzi e i teatri, magnificenti e signorili, sono moltissimi, come molte sono le chiese da ammirare e le testimonianze archeologiche. Occorre forse dire altro?

Scopri di più: avete voglia di un road trip siciliano? Cliccate qui!

Modica
San Vito Lo Capo
In provincia di Trapani, la lunga spiaggia di Santu Vitu catturerà la vostra attenzione: una baia a ridosso di un monte, il Monte Monaco, con acque così turchesi che fanno sognare. Le casette bianche e strette del raccontano di antiche tradizioni marinare e camminarci in mezzo vi regalerà un’atmosfera autentica. Davvero da non perdere!


Acireale
Sulla costa orientale siciliana, lambita dal Mar Ionio, ecco Acireale che ammalia i turisti con il fascino di Piazza Duomo, cuore pulsante della città, e del centro storico intero, con scorci da cartolina. Basiliche, chiese, palazzi e per concludere in bellezza fate un salto alle Terme di Santa Venere, che sfruttano le acque sulfuree del luogo. Se ci andate a febbraio, non vi perdete il Carnevale, che va avanti dalla fine del 500 e che coinvolge con la sua allegria cittadini e visitatori. Il posto ideale, dunque, per unire storia, cultura e benessere.


Caltagirone
Celeberrima per la lavorazione della ceramica, Caltagirone è una vera perla che tutti dovrebbero vedere. Colori sgargianti che rapiscono lo sguardo e una commistione di stili diversi così armoniosa da risultare unica: il Palazzo Sant’Elia, la Cattedrale, le mille chiese e il pregio architettonico dei palazzi, i vicoletti e le scalinate, spesso decorate con la ceramica tipica. Anche il cimitero qui è un tempio della bellezza. Che aspettate a chiudere il bagaglio?


Sciacca
Un nome che viene da lontano, dal saraceno Xech, che vuol dire Signora. O no, pare venga dall’arabo Syac, bagno, in riferimento alle acque termali e marine. O ancora da Xach, a intendere Mercurio o Pomona, divinità dell’abbondanza. L’aneddoto toponomastico ci dice molto sugli incroci e sugli intrecci storici di questo posto magico, con le sue maestose tre porte d’accesso, le mura antiche e il bellissimo Castello dei Conti Luna, che sembra uscito da un libro di illustrazioni, per quant’è bello e perfetto. E poi il Castello Vecchio e il Castello Incantato. E poi, e poi, e poi… andate a scoprire voi stessi le altre meraviglie!

Scopri di più: tra le Cattedrali più belle d’Italia, tre sono in Sicilia!

Sciacca
Scicli
Enormi palme verdi, facciate barocche su cui batte sempre il sole, chiese bellissime e ville patrizie: Scicli, nel ragusano, è una città da visitare senza pensieri e senza orologio, così da perdervi e lasciarvi trasportare in un’altra dimensione. Entrate nella chiesa di Santa Maria la Nova, la più antica della città, e poi entrate ovunque, catturate tutti i particolari con gli occhi e godete delle molteplici bellezze di questo posto: non vi resta che riempirvi gli occhi!
Registrati o Entra per commentare e pubblicare
Affascinanti e possibili. Sono le più belle spiagge della Sicilia, una Regione che abbina mare, natura, street food gourmet, itinerari insoliti e dimore di charme, da scoprire quest’estate magari con l’aiuto della Guida alla Nuova Sicilia di Dove ora in edicola.
Di spiagge qui ce ne sono per tutti i gusti: lunghe e attrezzate, calette nascoste nella macchia mediterranea, di sabbia o di ciottoli, raggiungibili in barca o a piedi. Quali le più belle? DOVE ne ha selezionate 15, ma ognuno può trovare la più adatta ai propri desideri esplorando i litorali da cartolina della Sicilia e delle sue isole.

50 spiagge (See more) da vedere nel 2016

La vostra preferita? Il popolo del web, consultato da Legambiente la scorsa estate nel sondaggio “La più bella sei tu”, non ha avuto dubbi. La spiaggia del cuore in Italia è Bue Marino, a quattro chilometri da San Vito Lo Capo: una caletta di ciottoli bianchi incastonata tra mare e montagna, affacciata sul tramonto, che si raggiunge lungo una comoda sterrata nella macchia mediterranea.
Bandiere blu Italia 2016: le new entry e le bocciature

Ma lungo la costa frastagliata come un festone, che si apre in dirupi e calanchi, si incontrano altre insospettabili spiagge. Come nella regina delle riserve, quella dello Zingaro, dove, seguendo per sette chilometri il sentiero che dalla Torre dell’Impiso tocca la Tonnarella dell’Uzzo, la Grotta Grande, si arriva alla spettacolare cala Ficarella, dai colori caraibici, una distesa di sassolini bianchi, protetta da una foresta di palme nane. L’ultima nuotata è al tramonto, davanti alla tonnara di Scopello, dove sembra ancora di ascoltare la cialoma, il canto propiziatorio delle barche che salpavano.
La Palermo arabo-normanna nel Patrimonio Unesco

Oppure ci si sposta lungo la costa costa di Realmonte, vicino a Porto Empedocle, che abbraccia la costa agrigentina fino a Capo Rossello, per fare un tuffo in un mare celebrato anche ne La prima indagine di Montalbano, davanti alla Scala dei Turchi, maestosa scogliera bianco-ocra, con una spiaggetta candida che sfiora l’acqua smeraldo. Vale un viaggio nell’isola anche la spiaggia della Riserva naturale integrale del Belice, dall’atmosfera africana, all’altezza di Castelvetrano, tra Marinella di Selinunte e Porto Palo, quasi cinque chilometri di sabbia finissima dalle sfumature dorate protetta da una sfilata di dune, habitat naturale di coloratissimi martin pescatore, rare ghiandaie marine, cannaiole che nidificano nei canneti.
Vacanze al mare in Italia: le spiagge, gli indirizzi e la mappa delle case da affittare

E poi ancora mare cristallino e spiagge incontaminate lungo la costa tra Sciacca e Agrigento, una delle più autentiche. È il Capo Bianco, uno dei tratti più suggestivi, nei dintorni della foce del Fiume Platani. Ai piedi, la spiaggia di sabbia bianca a forma di mezzaluna, annunciata dalle dune modellate dal vento, dalla pineta e dal mare, un trionfo d’azzurro. Sull’altro versante, lungo la costa ionica, tra Noto e Pachino, le raffiche di vento baldanzoso, profumato di zagare, preannunciano i tesori della Riserva naturale di Vendicari, che nasconde un capolavoro, Calamosche.
La Guida alla nuova Sicilia di Dove è in edicola

Ma la Sicilia è anche i suoi arcipelaghi. Ecco quindi nelle Eolie, Lipari, e poi ancora le Egadi, con Favignana, e le Pelagie, con Lampedusa. Dalla spiaggia dei Conigli a Cala Junco, dalla spiaggia della pomice a Cala Rossa, fino alle altre perle della costa, ecco tutte le 15 più belle spiagge della Sicilia, scelte da DOVE, da scoprire sfogliando la gallery.
Sicilia: un nuovo sistema interattivo per esplorare i fondali

Voglia di mare? Sognate con il primo video Virtual Reality a 360° di Dove, in un’isola d’Elba a tutto sport.
Registrati o Entra per commentare e pubblicare
Madrid - Non è la prima volta che la regina Letizia di Spagna stupisce con un abito low cost. E ancora una volta, con un vestito della catena di abbigliamento spagnola ormai conosciuta in tutto il mondo, come Zara, si è presentata ad un evento ufficiale, il Congresso dell'Associazione Internazionale degli Studi di Comunicazione Sociale al palazzo della Zarzuela a Madrid. Letizia di Spagna, aiutata da un fisico asciutto e tonico, forse sin troppo magro, ha sfoggiato un modello longuette in tweed, bianco e blu, che le lasciava le spalle leggermente scoperte. L'abito, neanche a dirlo già introvabile, pare che (See more) con i saldi costasse soltanto 20 euro. Un'incursione regale nel mondo del guardaroba dei comuni mortali che evidentemente per una regina è molto divertente https://www.siciliaservizi.com/activity/
Registrati o Entra per commentare e pubblicare
Il conduttore e speaker radiofonico Pierluigi Diaco parla del suo amore per il marito Alessio ed esprime il suo desiderio: "Naturalmente non possiamo avere dei figli. Qualora un giorno la legge permettesse l'adozione a me farebbe molto piacere poter adottare un bambino
Registrati o Entra per commentare e pubblicare
Si parte mercoledì 21 agosto alle 16 e si termina giovedì alle 17. Tempi strettissimi per le consultazioni del Capo dello Stato Sergio Mattarella dopo le dimissioni, martedì sera, del premier Giuseppe Conte.

Si comincia mercoledì 21 agosto alle 16, con il presidente emerito della Repubblica, Giorgio Napolitano, che non trovandosi a Roma sarà sentito telefonicamente. Alle 16 è attesa al Quirinale il presidente del Senato Elisabetta Alberti Casellati e alle 16,45 il presidente della Camera Roberto Fico. Poi sarà la volta dei gruppi parlamentari: alle 17,30 il gruppo per le Autonomie del Senato; alle 18 il gruppo Misto del Senato; (See more) alle 18,30 il gruppo Misto della Camera; alle 19 il gruppo Liberi e Uguali della Camera.
Giovedì si comincia alle 10 con i gruppi di Senato e Camera di Fratelli d’Italia; alle 11 i gruppi parlamentari di Senato e Camera del Partito democratico; alle 12 i gruppi parlamentari di Senato e Camera di Forza Italia-Berlusconi presidente; alle 16 i gruppi di Senato e Camera della Lega-Salvini premier; alle 17 i gruppi di Senato e Camera del Movimento 5 Stelle
Registrati o Entra per commentare e pubblicare
Le 10 citazioni sulla Sicilia più belle

La più bella regione d’Italia: un’ orgia inaudita di colori, di profumi, di luci, una grande goduria
(Sigmund Freud)
“Cosa ti manca della Sicilia?”
“U scrusciu du mari.”
(Andrea Camilleri)
L’Italia senza la Sicilia, non lascia nello spirito immagine alcuna. È in Sicilia che si trova la chiave di tutto. La purezza dei contorni, la morbidezza di ogni cosa, la cedevole scambievolezza delle tinte, l’unità armonica del cielo col mare e del mare con la terra… chi li ha visti una sola volta, li possederà per tutta la vita.
(Goethe)
Non invidio a Dio il paradiso perché sono ben soddisfatto di (See more) vivere in Sicilia.
(Federico II di Svevia)
La Sicilia è il paese delle arance, del suolo fiorito la cui aria, in primavera, è tutto un profumo… Ma quel che ne fa una terra necessaria a vedersi e unica al mondo, è il fatto che da un’estremità all’altra, essa si può definire uno strano e divino museo di architettura.
(Guy de Maupassant)
I siciliani non vorranno mai migliorare per la semplice ragione che credono di essere perfetti; la loro vanità è più forte della loro miseria.
(Giuseppe Tomasi di Lampedusa)
La Sicilia è la più bella di tutte le isole, poiché contribuisce grandemente alla crescita di un impero.
(Diodoro Siculo)
La famiglia è lo Stato del siciliano.
(Leonardo Sciascia)
Una trappola in cui i siciliani cadono volentieri: pretendere di capire la Sicilia prima di capire se stessi.
(Gesualdo Bufalino)
In Sicilia abbiamo tutto. Ci manca il resto.
(Pino Caruso)

Registrati o Entra per commentare e pubblicare
Festival della Commedia Italiana": a Favignana tre giorni di cinema con Lino Banfi
Il Cinema sbarca alle Isole Egadi. A Favignana infatti arriva il "Festival della Commedia Italiana", quella in Giallo.

Gialli da ridere, dove goffi o scaltri ispettori e poliziotti risolvono i più disparati casi giudiziari affiancati da maldestri attendenti: Lino Banfi, Fracchia, Tomas Millian sono i protagonisti di storie divertenti ma sempre avvincenti, che hanno fatto la storia del Cinema Italiano.

Ospite d'onore del Festival è proprio Lino Banfi, sull'isola siciliana per festeggiare il suo 83esimo compleanno. Tre le proiezioni serali previste all’Arena di Cava Sant’Anna alle 21. Si parte con (See more) l'inaugurazione del festival giorno 11 con la proiezione de "Il Commissario Lo Gatto" mentre il 12 luglio è il turno di "Cosa ci dice il cervello".

Chiude la rassegna sabato 13 "Il grande salto": ospiti della serata Lino Banfi e Loredana Cannata. Sabato, alle 19.30 viene inoltre inaugurata a Palazzo Florio la mostra "Le Dive del Muto".
Registrati o Entra per commentare e pubblicare
Vucciria beer festival": tre giorni di musica, birra e street food in corso Vittorio Emanuele
Ritorna il “Vucciria beer festival”, una tre giorni di musica, birra e street food, da venerdi 12 a domenica 14 luglio, in corso Vittrorio Emanuele.

Venerdi si parte alle 22.30 con il concerto tributo a Vasco Rossi dei Modena Park e a seguire il dj set con Antonio Scancarello.

Sabato alle 19 è previsto l’aperitivo con il cantastorie Mario Chichi e alle 22 dj set con Antonio Scancarello.

Infine domenica 14 si parte alle 19 con un aperitivo all’italiano, e alle 23 il concerto degli Acoustic brother band.
Palermo
Corso Vittorio (See more) Emanuele
Registrati o Entra per commentare e pubblicare
6° edizione Sagra della Polpetta arrostita nella foglia di limone e della Salsiccia a Riposto il 20, 21, 27 e 28 luglio e 3, 4 agosto 2019. in piazza Maria Ss. della Lettera.
All'interno della manifestazione diversi eventi collaterali: mostra fotografica e tornei sportivi.

Riposto Porto dell'Etna. Il nome Riposto, secondo accurati studi storici, deriva dalla vocazione commerciale della zona, che aveva fatto sorgere un luogo attrezzato quale deposito (per “riporre”) per le botti e le merci da spedire via mare.

La storia di Riposto ha avuto nel suo rapporto con il mare il principale fattore di sviluppo, alla fine del (See more) secolo XVI, tre gruppi tra coloni, pescatori e barcaioli-costruttori, si fusero creando il primo nucleo di una nuova comunità che prese il nome di Riposto da “Res Ponere” e si stabilì definitivamente tra il torrente Macchia, il limite sud della palude dell’Auzzanetto e il torrente Jungo, e il limite nord di grandi distese di boschi e vigne. Anticamente Riposto faceva parte del feudo di Mascali, nel 1815 Giarre e Riposto si separarono da Mascali e formarono una unica amministrazione, quindi nel 1841 Riposto, in forza dell'importante ruolo acquisito e dopo ben nove richieste di separazione da Giarre, ottenne l'autonomia comunale.

Registrati o Entra per commentare e pubblicare